Lezione 5: Le candele giapponesi. Seconda parte

Corso cfd
13 dicembre 2014
|
0 Comments
|

Nella lezione 4 abbiamo cominciato ad introdurre le candele giapponesi ed alcune delle figure tipiche delle candlestick. In questa lezione approfondiremo altre figure che hanno tutta un’altra lettura. Chiaramente, il bello delle candele giapponesi come avete potuto constatare è la loro intuitività. E’ possibile interpretarle nel dovuto modo anche ragionando sulle implicazioni del fatto che abbiano un corpo centrale più grande o più piccolo, delle ombre più lunghe. Tutto ha una logica. Quindi, la memoria serve, in questo caso, a poco o nulla. E’ sempre un errore memorizzarle. Se osservandole, imparate a ragionarci sopra non fa niente se non riuscite ad elencarle con facilità. Basta che graficamente riuscite a leggerle in maniera più idonea.

Le figure: hanging man e hammer. Vediamole da vicino

Sostanzialmente le caratteristiche della figura sono le stesse ma cambia il posizionamento.

Eccola nel riquadro sottostante:

hanging

Quindi, la caratteristica fondamentale dell’hanging man e dell’hammer è che vi è una lunga ombra inferiore (lower shadow).

Qual è, allora, la differenza fra le due figure?

  • L’Hanging Man, che è detto anche impiccato, è posizionato alla fine di un movimento rialzista. Vedremo il corpo centrale situato nella parte più alta della figura, al di sopra dei precedenti massimi. Quindi, molto probabilmente rappresenta la fine del trend rialzista, ma non è certo che sia immediatamente seguito dalla correzione ribassista. Potrebbe seguire una fase transitoria di consolidamento. Nel frattempo, il consiglio di investimento che otteniamo dall’hanging man è di abbandonare la posizione rialzista. Affinché tale figura abbia una certa attendibilità, è importante che arrivi a sfiorare il livello di resistenza cruciale
  • L’Hammer man, che è detto anche martello,oppostamente rispetto all’Hanging Man si pone al termine di un trend ribassista. Dobbiamo, quindi, prepararci a trend rialzisti. Tale cambiamento di direzione dell’investimento in gergo viene intesa come “short and reverse”. Vale lo stesso ragionamento fatto prima. E’ fondamentale che venga testato un importante livello di supporto, anche solo a livello dinamico

Le figure: Shooting Star ed Inverted Hammer

Vediamo altre due figure che possono presentarsi nel contesto delle candele giapponesi. Così come nel caso precedente, le rappresentazioni sono identiche ma ciò che cambia è il posizionamento.

shoot2

Stavolta, la caratteristica predominante è la lunga ombra superiore che è più del doppio del corpo centrale.

Qual è la differenza fra le due figure, in cui poco conta il colore ma la loro valenza segnaletica?

  • Shooting star. La troviamo alla fine di un trend rialzista pronunciato
  • Inverted Hammer. Si trova, invece, alla fine di un trend ribassista.

Quindi, tali candele anticipano un’inversione di trend.

Le figure: Bozu e Marabozu

I Bozu ed i Marabozu sono altre due figure singolari.

In particolare, i primi sono caratterizzati da una sola ombra, o inferiore o superiore. I secondi, oppostamente non hanno nessuna ombra né superiore, né inferiore.

Quindi li disegneremo così:

bozu

Le candele sovra-rappresentate sono i bozu e rappresentano una continuazione di trend, crescente nel primo caso e negativo nel secondo caso.

Per quanto riguarda i Marabozu, dovete pensare a 2 semplici rettangolini senza ombre di cui uno nero (ribassista) e l’altro bianco (rialzista).

Cosa sottintende il Marabozu bianco? Se non c’è l’ombra, vuol dire che i prezzi di apertura e di chiusura coincidono con i massimi ed i minimi. Essendo bianco, e quindi rialzista, di conseguenza i prezzi massimi coincidono con i prezzi di chiusura ed i prezzi minimi con i prezzi di apertura. Viceversa per il Marabozu nero.

Ma cosa stanno a segnalare tali figure? Anch’esse sono un segnale di continuazione rialzista (Marabozu bianco) o ribassista (Marabozu nero) ma ancora più forte che nei casi precedenti.

Anzi, possiamo estrapolare un’indicazione addizionale, attraverso l’osservazione dei Marabozu. I livelli di prezzi successivi che seguono tali formazioni e si situano al centro saranno i nuovi livelli di supporto (Marabozu nero) o i nuovi livelli di resistenza (Marabozu bianco) significativi, ai fini dell’analisi.

Voi ci direte. Ma le candele giapponesi non sono finite qui? Non assolutamente c’è ancora molto da affrontare ed approfondire per quanto concerne le candele giapponesi.

Ci occuperemo nelle prossime lezioni di altre figure significative che sono ottenute attraverso la combinazione di 2 o più candele.

E ricordate: non dovete impararle a memoria, solo imparare a riconoscere con il tempo ed il giusto intuito.