Bitcoin: cos'è e come investire

Il bitcoin è la più famosa criptovaluta del mondo. Entrata a far parte delle nostre vite da meno di dieci anni, ha rivoluzionato la finanza mondiale. Da quando è possibile utilizzarla per fare investimenti e, in alcuni casi, per effettuare i pagamenti, c’è chi parla di cambiamenti epocali ormai vicini e della fine delle transazioni come le conosciamo oggi.

Comprare bitcoin e fare trading online con questa moneta virtuale è ormai una moda. Per avere successo, però, bisogna sapere con cosa si ha a che fare. Ecco perché, se vuoi maggiori informazioni in merito, ti invitiamo a seguirci nelle prossime righe. Abbiamo infatti preparato una guida passo passo per spiegarti bene cos’è il bitcoin e come investire al meglio su questa moneta virtuale.

Bitcoin: cos’è e come funziona

Il bitcoin ( BTC) è una moneta virtuale. Priva di qualsiasi controllo centrale da parte di banche o istituzioni politiche, si avvale della tecnologia peer to peer. Le singole transazioni avvengono su una rete di device convenzionalmente indicata come Bitcoin (l’utilizzo della maiuscola è fondamentale, perché distingue il network dalla valuta in sé).

Le transazioni e l’emissione di valuta sono processi gestiti direttamente dai device della rete. Il network consente il possesso così come il trasferimento anonimo della valuta. Attraverso chiavi sia pubbliche sia private, è possibile firmare digitalmente e concretizzare le tranzasioni.

Le suddette vengono validate dai cosiddetti miners, che hanno il compito di verificare la correttezza delle procedure. Quando si utilizza questo termine, si inquadrano dei volontari che, mettendo a disposizione i propri device, effettuano il maggior numero di verifiche possibili.

Agli albori dell’era del bitcoin, anche il singolo utente poteva effettuare mining con il proprio computer. Con l’aumento delle transazioni e della quantità di valuta disponibile, si è reso necessario l’aumento di potenza dei device con i quali si fa mining. Oggi, infatti, esistono dei computer dotati di apposito processore ASIC, che riescono a offrire performance impensabili in passato. Siccome da tale aspetto dipende il guadagno del miner, la cosa è ottima.

Per muovere i primi passi in questo mondo è necessario disporre anche di un wallet, ossia di un apposito software che permette di entrare nella rete.

Bitcoin: storia

Prima di cominciare a fare trading bitcoin, è il caso di dare una scorsa alla storia di questa moneta virtuale. Il bitcoin è entrato nelle nostre vite con la nascita ufficiale il 3 gennaio 2009. Il suo percorso, però, è iniziato l’anno prima. Nel 2008, infatti, un programmatore dallo pseudonimo di Satoshi Nakamoto mise online il software open source.

Inizialmente, la sua intuizione fu di trattare il tutto come una release, installando il software su un determinato numero di device per poi consentire ad altri di operarvi da remoto. Esattamente come nell’economia che conosciamo da sempre, il fulcro anche in questo caso è il valore di scambio che gli utenti sono disposti ad attribuire, paragonando il tutto a un bene reale.

Dopo questa veloce digressione torniamo un attimo alla storia della criptovaluta ricordando che, pochi anni dopo il lancio, Nakamoto lasciò le redini del progetto. La sua identità oggi come oggi non è ancora nota. Un uomo d’affari australiano, Craig Steven Wright, nel maggio del 2017 dichiarò di essere la persona dietro allo pseudonimo, salvo rifiutarsi di rilasciare prove concrete della cosa.

Negli anni, in seno alla community bitcoin si sono generate delle divisioni per motivi disparati. In alcuni casi hanno portato alla nascita di nuove criptovalute come il Bitcoin Cash, frutto di un hard fork, ossia della decisione da parte di un gruppo di programmatori di staccarsi da una community di origine per creare qualcosa di nuovo partendo da un programma condiviso e già utilizzato in passato.

Bitcoin: come investire

Investire in bitcoin oggi può essere molto vantaggioso. A consigliarlo sono anche banche d’investimenti come Goldman Sachs, secondo la quale il prezzo della valuta virtuale è destinato ad aumentare nel tempo. In concreto, come si fa a comprare bitcoin? Facendo riferimento ai CFD (Contract for Difference). Di cosa si tratta? Di strumenti derivati che permettono di guadagnare dalle variazioni di un asset – il bitcoin ma anche le azioni o le materie prime – pur non possedendo effettivamente il prodotto.

Plus500 broker online bitcoin

Plus500 è un’ottima scelta per chi negozia criptovalute

I vantaggi riguardano la possibilità di bypassare numerosi ostacoli burocratici e di minimizzare le perdite. Per avere successo, però, bisogna scegliere la piattaforma giusta. Chi fa trading bitcoin può provare Plus500, uno dei broker online più famosi del mondo. Semplice da usare, consente di impratichirsi con un conto demo senza denaro reale.

Clicca qui per iscriverti gratis su Plus500

Il trading bitcoin Plus500 è molto interessante, ma non è l’unica soluzione per chi vuole investire sulla moneta virtuale più famosa del mondo.

Gli altri broker per fare trading con il bitcoin

Per fare trading con i bitcoin, infatti, esistono anche eToro e Markets.com. eToro è famoso per l’approccio in ottica social, che permette ai trader di comunicare tra loro e di prendere esempio dalle strategie dei migliori.

Grazie a eToro è possibile copiare, in maniera completamente automatica e gratuita, quello chef anno i trader più bravi. Non è un caso che molti dei trader principianti scelgono proprio eToro per cominciare.

Clicca qui per iscriverti gratis su eToro

Markets.com, invece, è noto per l’efficacia degli apparati formativi. L’ideale per chi inizia a fare trading, insomma! Anche in questi due casi la soluzione migliore per fare trading bitcoin sono i CFD, contratti che permettono d’investire senza rischiare il capitale.

Clicca qui per iscriverti gratis su Markets.com
broker online markets.com

Markets.com è uno dei punti di riferimento per il trading su Bitcoin

Lo scenario è molto promettente. Da diverso tempo ormai è cresciuto il numero di aziende che accettano pagamenti in bitcoin. Il valore della moneta è cresciuto e si parla sempre meno di bolla ma di una reale alternativa al denaro come lo conosciamo oggi. Ecco perché iniziare a investire con la giusta cautela può rivelarsi un’ottima idea.

Bitcoin: quotazione e grafico in tempo reale

Nell’immagine possiamo osservare il grafico live con la quotazione di Bitcoin sulla piattaforma di Plus500. Come mostrato dall’immagine, il boom di questa criptovaluta è avvenuto nella prima metà del 2017. La capitalizzazione di mercato, al momento ancora inferiore a quella del Bitcoin, implica una necessaria correlazione tra i due asset; spesso i momenti di trend a rialzo e a ribasso avvengono in contemporanea, dunque per gli investitori è bene monitorare parallelamente le due criptovalute.