Trading su Argento

Come fare trading su argento
6 aprile 2016
|
0 Comments
|

Nel presente articolo andremo ad approfondire le principali modalità di trading sull’argento online, oggi possibile grazie a particolari strumenti finanziari chiamati CFD. Oltre ai metodi utilizzati più tradizionalmente, come ad esempio l’acquisto di argento fisico o l’acquisto di futures, vi è infatti anche la possibilità di trarre profitto dalle variazioni del prezzo dell’argento senza che si abbia il bisogno di detenerlo fisicamente, cosa che peraltro richiederebbe spese di custodia e assicurazione non indifferenti.

Acquistare argento fisico

L’argento, in quanto metallo prezioso e sicuramente uno dei più preziosi, rappresenta un bene rifugio al pari dell’oro e del platino. Infatti, è solito comprare argento fisico a questi scopi chi considera l’oro troppo costoso o chi, già detenendo oro o platino, acquistar anche argento al fine di diversificare il proprio portafoglio di beni rifugio.

Ad ogni modo, non tutti acquistano argento o altri metalli preziosi per “rifugiarsi” da periodi economici troppo volatili, ma anche con l’obbiettivo di lucrare sulle differenze di prezzo tra il momento dell’acquisto e il momento della rivendita.

Come si negozia in argento fisico?

La compravendita di argento richiede innanzitutto l’accordo con enti affidabili. Le truffe in tale ambito sono numerose, perciò soprattutto chi non ha esperienza dovrebbe rivolgersi a società conosciute, che abbiano l’autorizzazione delle autorità competenti nel loro territorio, oltre alle licenze necessarie. Tutti questi dati sono consultabili anche online, una volta che si conoscono le coordinate (nome, indirizzo) dell’azienda che offre la possibilità di acquistare argento. Uno dei siti web più conosciuti al mondo per consultare elenchi di venditori consigliati è quello dell’US Mint (Zecca di Stato statunitense), che pubblica elenchi di venditori da essa controllati.

L’argento può essere acquistato e venduto in diverse forme, tra cui barre, lingotti e monete. In quest’ultimo caso, va considerata anche la possibilità di un sovrapprezzo nel caso si tratti di monete dalla particolare rilevanza storica. In tal caso, occorre avvalersi dell’aiuto di uno specialista per capire se tale sovrapprezzo sia giustificato o meno, a seconda della rilevanza numismatica della moneta considerata.
Comprare argento fisico può voler dire farne una valutazione storica

L’unità di base del valore dell’argento è l’oncia troy. Questa è caratterizzata da un’oncia di materia prima grezza e il suo valore è espresso in dollari americani. Conoscere il valore dell’oncia troy è importantissimo per controllare le valutazioni dei venditori, che dovrebbero attenersi al prezzo del mercato.

Consiglio: è consigliabile acquistare argento fisico da quei rivenditori ai quali è possibile rivendere l’argento in futuro.

Il trading sull’argento

Un modo alternativo, più economico e soprattutto più pratico di negoziare sull’argento a fini di lucro è quello del trading sull’argento. Per tale scopo si utilizzano piattaforme di negoziazione messe a disposizione da broker CFD, che consentono di aprire posizioni di acquisto o vendita al fine di trarre profitto dai rialzi o dai ribassi, a seconda dei propri pronostici.

Ed ecco quindi il primo vantaggio: poter trarre vantaggio economico dai ribassi del prezzo dell’argento pur non detenendolo. E’ possibile far questo aprendo posizioni di tipo “short”, “vendita” o “scoperto” (significano tutti la stessa cosa) e chiudendo la posizione quando si pensa di aver ottenuto un profitto soddisfacente dal ribasso del prezzo dell’argento.

Un altro importante vantaggio dei CFD sull’argento è il fatto di poter ottenere profitti dal rialzo del prezzo dell’argento senza tuttavia detenere argento in depositi costosi. Infatti, con i CFD si negozia sul prezzo, senza detenere fisicamente il sottostante.

Ma cosa sono di preciso i CFD? Il CFD è uno strumento finanziario il cui prezzo replica quello di un altro strumento finanziario sottostante.

Nel caso dei CFD sull’argento il prezzo sarà dato da quello dei futures sull’argento a cui si aggiunge un piccolo spread percentuale che il broker aggiunge a tal prezzo. Ad esempio, l’importante broker Plus500 addebita lo spread solo all’apertura della posizione, non avendo quindi alcun altro interesse sull’esito della negoziazione. Per altre informazioni su questo strumento, visita il nostro corso online sui CFD.

Qui sotto vediamo il grafico in tempo reale dei CFD sull’argento forniti da Plus500.

Cliccando sul pulsante “visualizza i dettagli completi” è possibile accedere ai dettagli del CFD, tra i quali vi è anche il link alla pagina ufficiale di Bloomberg che riporta i prezzi reali dell’argento ai quali viene applicato lo spread.

Cosa varia il prezzo dell’argento?

L’argento è un metallo ritenuto prezioso in dall’antichità, che oggi trova sbocco in numerosi impieghi industriali, oltre a quello del lusso.

Come già detto in precedenza, il prezzo dell’argento è espresso in dollari, perciò anche il cambio del dollaro americano con le altre valute rappresenta uno dei fattori che influenzano il suo valore. Tuttavia, gli elementi che vanno a influire sul suo prezzo dipendono soprattutto dalla domanda e dall’offerta. Proprio la domanda e l’offerta possono avere delle forti variazioni in base al valore del dollaro americano.

In pratica, se il dollaro americano si rinforza su altre valute, i paesi emittenti di tali valute avranno più difficoltà a comprare argento perciò la domanda diminuirà.

Un altro importante fattore che coinvolge la domanda è quello della richiesta di argento ai fini della produzione industriale. I livelli di produzione, un dato macroeconomico essenziale in un determinato paese o comunità, danno un chiaro segnale dello stato di salute dell’industria di un paese. Se l’industria offre segnali positivi, il prezzo dell’argento si rafforzerà, mentre in caso contrario si indebolirà.

Infine, un altro fattore è estraneo all’argento stesso, poiché riguarda l’evoluzione del suo utilizzo nel ciclo di produzione. Occorre sempre prestare attenzione alle nuove tecnologie, fisiche e chimiche, che consentono di rimpiazzare alcuni elementi nel ciclo di produzione. L’argento è inferiore, ad esempio, all’oro e al platino perciò potrebbe essere rimpiazzato più facilmente da altre materie o materiali.