Azioni Enel, qualcosa sta cambiando?

ENEL

Questo corso utilizza la piattaforma gratuita Il modo migliore per imparare il trading è fare pratica, ti consigliamo di (tempo richiesto 1 minuto)

Oggi analizziamo le azioni Enel, perché il gruppo ha presentato il nuovo piano industriale sino al 2019, ci sono novità interessanti.

Ci sono tanti punti caldi che stanno veramente cambiando pelle alla utility italiana, vediamoli insieme, annunciando che il mercato non li ha molto graditi:

-Il tesoro scenderà sotto il 25% del capitale.

-Ci saranno uscite di personale per pensionamento, stimate in circa 6mila unita in Italia, che verranno rimpiazzate con circa 2000, ma con personale giovane, con lo scopo di svecchiare l’azienda.

-Grande spazio alle energie rinnovabili. Sino a 3-4 anni fa Enel era una società specializzata nella produzione di energia, partendo da combustibili fossili, oggi l’80% della sua produzione deriva da energie rinnovabili, con il 50% da impianti eolico e il 33% da idroelettrico.Per questa ragione la società ha deciso d’integrare nuovamente nel gruppo Enel green power che ridiventa assolutamente centrale nel core business dell’azienda.

-Il piano prevede per l’azienda, di diventare sempre di più una società infrastrutturale, investendo nelle reti elettriche intelligenti, nel sistema di accumulo di energia, ma cosa assolutamente nuova entrando nel mercato delle telecomunicazioni, scommettendo sulla banda larga. Il piano prevede l’inizio del business in Italia, ma certamente ci sarà uno sviluppo anche in altri paese extra Italy, quali per esempio Spagna e Sud America.

Andiamo a vedere come hanno reagito le quotazioni:

-I prezzi hanno subito un brusco arresto, perché? A nostro avviso la direzione intrapresa da Enel è certamente quella giusta, ma si tratta di un piano industriale strutturale, che quindi richiederà tempo e ingenti investimenti. Si avrà certamente valore nel lungo termine, ma non nel breve, quindi questo non piace agli investitori che non vedono subito valore e quindi questa è la ragione della caduta dei prezzi e il motivo per cui si rischia di uscire da questa congestione al ribasso.

Siamo in una fase di congestione dei prezzi, di un ciclo positivo, ma che ha perso forza quindi bisogna avere la massima cautela. Al momento dal punto di vista del trading sembra più probabile vedere un movimento di ribasso con i prezzi sotto i 4 euro che un proseguo del movimento rialzista, per le ragioni dette e per il tipo d’impostazione grafica.

Quindi dal punto di vista operativo, attenderemo la rottura decisa dei 4 euro per aprire posizioni ribassiste sul cross valutario.

 

Passa subito all'azione: e inizia a sperimentare il trading di CFD (tempo richiesto 1 minuto)

Miglior broker per CFD

Broker Vantaggi Deposito Min. Apertura Conto
Plus500
  • Spread bassi
  • Conto demo gratis
100€ Inizia
Markets
  • Conto demo gratuito
  • Quotato London Stock Exchange
100€ Inizia