WeBank: Funzionamento, costi, alternative

Webank
15 Aprile 2019
|
0 Comments
|

Webank è una innovativa banca Italiana tra le prime ad aprirsi al mondo dell’Home Banking.

Tra i suoi servizi, non poteva mancare il Trading Online. Di conseguenza, in questa guida ci occuperemo di analizzare al meglio il servizio apportato da questo operatore certificato e confrontarlo con la proposta di società speciliste del settore.

Infatti, ci sarà modo di documentarsi per bene anche su broker come 24Option, eToro e Iq Option, piattaforme sicure che possono essere considerate delle ottime alternative al servizio messo a disposizione dalla banca.

WeBank: Chi sono.

Cos’è Webank? Facente parte del gruppo Bpm, ossia la Banca Popolare di Milano, per oltre dieci anni è stata sotto l’egidia della WeService. In seguito, precisamente il 1 Novembre 2009, si è trasformata in una vera e propria banca indipendente.

Le tappe importanti della sua giovane storia sono state il 2010, quando nel mese di Marzo è stata approvata l’acquisizione di IntesaTrade Sim, entrata a far parte in tutto e per tutto della galassia WeBank.

In seguito, il 2014 ha visto il consiglio direttivo votare a favore della fusione con BPM, dando vita ad un gruppo Bancario ampio e ben strutturato. In questo quadro, WeBank diventà il braccio operativo di BPM in materia di servizi bancari online e proposte di investimento.

WeBank: Come funziona.

Webank oltre ai classici servizi bancari offre anche l’opportunità di fare trading online direttamente dal proprio conto corrente.

Una soluzione interessante, certo, ma non esente da rischi. In primo luogo, sorge spesso la necessità di dividere il proprio capitale personale da quello destinato all’investimento ed in questo modo non è possibile.

In secondo luogo, ciò implica che per fare trading occorre essere correntisti della banca. Non tutti i Trader desiderosi di operare sui mercati finanziari vogliono anche chiudere il conto e spostarlo in WeBank. Insomma, un limite strutturale.

In ogni caso, la proposta di WeBank è ben strutturata a livello di Asset negoziabili. Scopriamoli nel dettaglio:

  • Titoli azionari
  • Indici azionari
  • Futures
  • Etf
  • Cfd

A differenza di molti operatori bancari, WeBank offre quindi l’opportunità di negoziare CFD con leva, fino ad un massimo di 1:20.

WeBank: Le piattaforme.

Per venire incontro alle diverse esigenze e competenze della sua clientela, WeBank permette di scegliere tra 5 diverse piattaforme:

Web – Questa tipologia di piattaforma permette di operare sui mercati tramite un interfaccia web, ossia basterà collegarvi dal vostro browser (Internet Explorer, Chrome, Firefox o Safari) per poter operare in modo molto semplice e intuitivo.

T3 – Se non si vuole operare via web ma si preferisce una piattaforma dedicata per operare con conto trading online di WeBank, è allora possibile utilizzare T3, una piattaforma di trading che può essere utilizzata sia tramite desktop sia tramite i tablet.

T3 No Frame – Questa interfaccia risulta essere completamente personalizzabile e adattabile alle tue esigenze di trading, inoltre è molto utile la funzionalità che ti permette di salvare la disposizione delle finestre su più monitor, per evitare di doverle riposizionare ad ogni accesso.

Open – Questa piattaforma aggiunge alle caratteristiche delle precedenti anche la possibilità di essere integrata con i diversi sistemi di trading automatico che puoi trovare sul mercato. Se utilizzi un tuo sistema di trading automatico lo puoi facilmente integrare con questa piattaforma di trading

T3 Mobile – Questa è la piattaforma per operare in mobilità. Questa App può essere utilizzata sia per smartphone che per tablet ed è disponibile sia per sistemi operativi Android che Apple.

WeBank: Costi e commissioni.

Analizziamo ora l’aspetto negativo di WeBank. Fino ad ora abbiamo visto che si tratta di una banca online innovativa e moderna. Tuttavia, presenta un grosso problema: le commissioni. Ne esistono di due tipi:

  • Fisse
  • Variabili

Queste commissioni variano tra un minimo di €5 ed un massimo di €15, cifre davvero notevoli. Inoltre, vanno a decrescere man mano che aumenta l’operatività. Insomma, più si opera e meno si paga.

Tuttavia, innanzitutto occorre dire che partire da €15 è davvero troppo, sono commissioni di entità fuori mercato. Premesso questo, in tal modo si incentiva il Trader ad operare il più possibile e non sempre è positivo. Operando di più aumenta il rischio, soprattutto se a “spingere” l’operatività non ci sono situazioni di mercato interessanti ma la semplice voglia di pagare meno commissioni.

Insomma, da questo punto di vista siamo ben lontani dall’offerta messa in atto dalle migliori piattaforme di Trading.

WeBank: Opinioni e recensioni.

WeBank ha nel complesso opinioni nella media a livello di servizi bancari offerti. Per tutte le operazioni che si possono effettuare online anziché nello sportello i giudizi sono positivi. Le cose cambiano quando si parla di Trading. Sono due i capi d’accusa dei clienti:

  • Assistenza tecnica scarsa
  • Commissioni elevatissime

Webank Trading viene messo allo stesso livello di Fineco Trading, Wibida Trading e BinckBank Trading. Viene invece ritenuta inferiore ad altre piattaforme. Analizzeremo le migliori alternative nel prossimo paragrafo.

In generale, pagare commissioni sull’eseguito era una prasi valida fino a qualche anno fa, ma ora  non ha nessuna ragione di esistere. La motivazione è semplice, nel mercato sono presenti ormai da anni piattaforme regolamentate alla pari di WeBank ma con commissioni estremamente più basse.

Facciamo riferimento a broker come eToro o 24option che applicano solo ed esclusivamente lo Spread. Quindi niente commissioni fisse e niente spese sull’eseguito, solo lo spread presente inevitabilmente sulla piattaforma.

Insomma, parliamo di alternative estremamente sicure e specializzate nel Trading, decisamente meglio per chi vuole investire e non effettuare operazioni di Home Banking.

WeBank: Quali alternative?

Andiamo ora a presentare alcuni broker di trading online che permettono di abbattere i due costi principali dovuti al trading bancario:

  • Canoni e commissioni
  • Imposta di bollo

I migliori broker.

24Option

Apprezzata da investitori di fama internazionale, è anche sponsor della Juventus F.C. Per scoprire la vera essenza di 24Option bisogna però andare oltre a questo aspetto. Il broker si presta perfettamente alle esigenze di chi inizia a fare trading online. Infatti, i principianti possono infatti formarsi grazie a un corso di ottima qualità. Si tratta nello specifico di un ebook gratuito che, senza troppi inutili giri di parole, mette in primo piano i concetti pratici del trading online. Se vuoi iniziare a guardarlo, puoi scaricarlo gratis cliccando qui.

I vantaggi di 24Option riguardano anche la possibilità di accedere a consulenze telefoniche personalizzate e gratuite, ma soprattutto i segnali di trading. Questi consigli di investimento, messi a punto da trader di fama internazionale, sono un indiscusso valore aggiunto per il broker. Alcuni portali li mettono a disposizione a pagamento. La situazione di 24Option è ben diversa. La piattaforma che stiamo analizzando consente infatti di accedere gratuitamente ai segnali di trading. Se vuoi iniziare a provarli, devi cliccare qui.

Essenziale è ricordare anche il vantaggio del conto demo. Questo strumento permette di esercitarsi con il trading senza rischiare il capitale. Il conto demo ha anche il vantaggio di essere illimitato. Per questo motivo, può essere utilizzato quanto si vuole per esercitarsi. Non appena ci si sente pronti, è però il caso di aprire quello con denaro reale. Per farlo, è sufficiente depositare una cifra assolutamente accessibile, pari a soli 100 euro. Chi vuole, può effettuare comodamente il deposito con carta di credito o Paypal.

Clicca qui per iscriverti su 24option.

eToro

Per chi volesse fare trading in più modo automatico, magari perché si ha meno tempo a disposizione, suggeriamo la soluzione di eToro. Si tratta della prima piattaforma di social trading al mondo. Con la piattaforma eToro è possibile ricercare gli investitori professionali che hanno guadagnato di più nel passato e quindi copiarli in maniera completamente automatica.

Come funziona il social trading? Puoi cercare facilmente chi ha guadagnato di più negli ultimi mesi con un form di ricerca facile ed intuitivo. Una volta individuati i trader dai guadagni più alti, puoi iniziare a copiarli con un semplice click. Una volta che hai selezionato il trader da copiare, tutte le operazioni che vengono eseguite da lui vengono copiate automaticamente anche nel tuo account. Insomma, è possibile guadagnare con il trading online in modo automatico.

Ovviamente anche il più bravo trader del mondo può commettere degli errori: per questo motivo è sempre opportuno non limitarsi a copiare un singolo trader ma puntare alla diversificazione. I copiatori più furbi di solito copiano 6 o 7 trader esperti, in modo che se uno sbaglia, i profitti degli altri compensano le perdite e generano comunque un profitto complessivo.

Puoi scegliere eToro per il tuo trading cliccando qui.

Iq Option

Iq Option è una piattaforma di trading online semplice ed intuitiva, adatta anche a coloro che si avvicinano per la prima volta al trading sui mercati finanziari. Una delle caratteristiche più apprezzate di Iq Option è la possibilità di aprire un conto di trading reale con un capitale iniziale di appena 10 euro.

Molti trader si iscrivono ad Iq Option ed utilizzano la piattaforma demo che è illimitata e senza vincoli. Quando si sentono sufficientemente sicuri per operare con profitto effettuano il primo deposito, di solito molto contenuto. Insomma, Iq Option è una piattaforma di trading professionale completamente gratuita e senza commissioni. Consente di operare su un buon numero di Asset finanziari quotati sui principali mercati.

In conclusione, Iq Option è una soluzione semplice ed economica per investire su forex, borsa, materie prime e criptovalute.

Clicca qui per registrarti adesso su Iq Option.

WeBank: Conclusioni.

I servizi di Webank sono di buona qualità se in riferimento all’Home Banking. Il discorso cambia quando ci riferiamo al servizio specifico di Trading. Necessità di essere correntisti, commissioni sull’eseguito, costi di gestione elevati. Insomma, non proprio un servizio di qualità.

Fino a qualche tempo fa, nonostante queste controindicazioni, i Trader preferivano comunque operare su piattaforme bancarie per via della sicurezza. Ad oggi, anche questo aspetto viene meno, Infatti, tutte le piattaforme da noi recensite in questo articolo godono del marchio dei più importanti enti Europei, Consob su tutte.

Operare su queste piattaforma, partendo dalla Demo, è un’ottimo modo per iniziare davvero a fare Trading.

Registrati adesso su 24Option

 

Fai trading con eToro

 

Inizia a fare trading con Iq Option