Ripple Code è davvero una straordinaria opportunità di guadagno?

ripple-code
7 marzo 2018
|
0 Comments
|

Se sei qui, significa che ti interessi di criptovalute e che hai sentito parlare di Ripple Code. Quasi sicuramente ti chiedi se siano o meno vere le voci di truffa relative al suddetto sistema. Nelle prossime righe abbiamo creato una guida per aiutarti a capire qualcosa di più in merito e per fornirti delle valide indicazioni per iniziare a fare trading in maniera sicura.
Parleremo chiaramente di broker di qualità come Plus500, una piattaforma di cui approfondiremo le caratteristiche nei paragrafi a seguire e che rappresenta uno dei fiori all’occhiello del trading online, un riferimento a dir poco solido per chi vuole investire in criptovalute ed in altri asset.

Clicca qui per iscriverti gratis su Plus500

Ripple Code fa guadagnare?

La risposta a questa domanda è negativa. No, Ripple Code non fa guadagnare. Qualsiasi sistema prometta soldi facili con le criptovalute, asset a dir poco volatili, è gestito da persone che mentono e sanno di essere in cattiva fede. Purtroppo Ripple Code è solo l’ennesimo caso di questo tipo. Di situazioni del genere ce ne sono diverse per tutte le criptovalute. Per capirlo basta citare Ethereum Code, ma anche il caso di Bitcoin 4 Life.
Ripple Code, quindi, è una truffa? Dirlo ufficialmente è impossibile e per un motivo molto semplice. La magistratura non si è ancora pronunciata in merito e sta passando al vaglio le numerose denunce arrivate da chi è caduto nella trappola di un sistema che promette mirabilie e non fa assolutamente guadagnare.
Ripple Code fa anzi perdere soldi e tra un po’ capiremo assieme in che modo! Adesso, però, ricordiamo innanzitutto che questo sistema non è regolamentato. Già questo dovrebbe bastare per cambiare idea quando si pensa di iniziare a utilizzarlo per guadagnare con la criptovalute. Il trading online, infatti, da una decina d’anni a questa parte, è sotto la lente d’ingrandimento del legislatore. Lo dimostrano normative internazionali come la MIFID, le regole riguardanti la leva finanziaria e l’azione di autorità amministrative come la Consob e la CySEC, che monitorano la qualità dei broker e ne autorizzano l’operatività con apposite licenze.
Quando sono presenti dei riferimenti in merito, c’è solo da stare tranquilli. Il broker, infatti, è indubbiamente sicuro. Attenzione! Questo non significa che utilizzarlo voglia dire automaticamente avere successo con le operazioni. Facendo trading di Ripple e di altre criptovalute si possono perdere soldi, ma solo per operazioni non andate a buon fine e mai per truffe.

Consigli per fare trading di Ripple

Entrando maggiormente nello specifico dei consigli dedicati a chi vuole fare trading di Ripple con sistemi davvero sicuri lasciando perdere Ripple Code, ricordiamo l’importanza di puntare su broker gratuiti. Come ben saprà chi ha anche solo un minimo di dimestichezza con il trading, al giorno d’oggi è impensabile pagare commissioni. I broker, infatti, hanno come principale fonte di guadagno lo spread, ovvero la differenza minima tra bid e ask. Molto importante è anche controllare che la piattaforma scelta abbia dei validi riferimenti per quanto riguarda la formazione.

Insistere su questo aspetto è nodale perché proprio sull’equazione “Criptovalute = soldi subito e pure tanti” si basano sistemi come Ripple Code. Questo non è affatto vero. Il trading online, soprattutto con le criptovalute, è molto rischioso e tale aspetto rappresenta una componente ineliminabile. I broker di qualità sottolineano chiaramente questo aspetto. Su un broker con licenza, infatti, non si troverà mai scritto che fare trading online è facile e che si possono ottenere risultati da un momento all’altro. L’unico modo per avvicinarsi a degli esiti positivi quando si opera con le criptovalute è formarsi.

I broker mettono a disposizione ottime alternative al proposito. Tra queste possiamo ricordare i corsi di 24Option, semplici e fruibili anche da parte di chi è alle prime armi con il trading online. Questo broker, inoltre, consente di usufruire di consulenze telefoniche personalizzate fornite da parte di esperti in trading online.

Basilare è anche fare riferimento a Plus500. Questo broker, infatti, è famoso per essere tra i più semplici in assoluto. Dalla home page basta infatti cliccare su “Inizia a fare trading adesso” per ritrovarsi in una pagina destinata alla scelta tra conto demo e conto con denaro reale. La prima opzione è molto importante per chi vuole fare, con efficacia e profitto, trading online di Ripple. Iniziando a operare senza denaro reale, infatti, si ha modo di prendere confidenza sia con l’asset, sia con la piattaforma in sé.

Altri broker da considerare

Quando si parla di trading di Ripple, è necessario fare riferimento anche all’esistenza di eToro, un broker fondamentale per chi vuole operare in maniera davvero sicura, mettendo da parte, definitivamente, alternative come Ripple Code.

L’approccio di eToro è a dir poco rivoluzionario. Da quando, nel 2010, questo broker è andato online, è possibile operare in ottica social. Sì, hai letto bene: con eToro, il trading online di Ripple e non solo ha il plus della presenza di un profilo gratuito, a disposizione di ogni singolo trader iscritto alla piattaforma. Tramite il suddetto profilo, è possibile condividere le proprie strategie, così come i risultati ottenuti. In questo modo, chi vuole migliorare nel trading online ha la possibilità di seguire chi, per primo, ha avuto successo.
Chi segue ha chiaramente un tornaconto, che consiste nella possibilità di guadagnare. Per concludere questa breve digressione, ricordiamo che eToro è regolamentato a livello internazionale e che consente di iniziare “allenandosi” con un conto demo senza denaro reale.

Clicca qui per iniziare a fare trading con eToro

ripple code

eToro è uno dei migliori broker per chi vuole fare trading con le criptovalute grazie al social trading

Ripple Code in poche parole

Non potevamo concludere senza un veloce riferimento alle caratteristiche di Ripple Code, un sistema che promette di guadagnare grazie al trading automatico con Ripple. Questo non è assolutamente possibile. Per fare trading in maniera automatica, infatti, bisogna conoscere l’asset e ricordare che, in ogni caso, l’intuizione umana difficilmente può essere superata da programmi preimpostati. Di certo, quando ci si trovano davanti promesse di guadagni immediati, è il caso di fare clic sulla parte alta della pagina a destra e di chiudere tutto, perché non c’è nulla di serio!