Plu500 demo: come aprire il conto

plus500 demo
28 marzo 2018
|
0 Comments
|

Parlare di Plus500 demo è molto importante. Il broker in questione, infatti, è tra i più apprezzati del mondo. Iniziare a utilizzarlo grazie al conto demo è un’ottima idea per fare trading con sicurezza e per impratichirsi con le peculiarità dei vari asset. Se vuoi sapere qualcosa di più in merito, la guida che abbiamo creato fa al caso tuo.

Abbiamo cercato di condensare in poche righe le principali indicazioni per aprire il conto senza denaro reale, aggiungendo qualche consiglio per fare trading online in sicurezza.

Clicca qui per iscriverti gratis su Plus500

Plus500 FAQ: informazioni sul broker

Prima di entrare nel dettaglio di tutto quello che riguarda Plus500 demo, parliamo delle principali caratteristiche del broker. Iq Option è una piattaforma di trading online che permette di operare su asset come azioni, Forex, materie prime, criptovalute ed ETF. Nel caso delle criptovalute, ricordiamo che è possibile fare trading su Bitcoin, Ethereum, Bitcoin Cash, Ripple, Iota. Online dal 2008, questo broker è controllato da diverse consociate, tutte quotate sulla Borsa di Londra. Questa è una grande garanzia di sicurezza. Ovviamente è regolamentato dalla CySEC, ossia la Cyprus Securities and Exchange Commission. Possiede, nello specifico, la licenza 250/14.

Alla luce degli aspetti appena ricordati, si può ribadire che Plus500 è un broker sicurissimo. Chi opera su questo portale non deve infatti temere truffe. Certo, si possono perdere soldi per le operazioni non andate a buon fine, ma non certo per problemi di natura legale legati al broker. La società, infatti, ogni volta che viene aperto un conto con denaro reale mantiene i fondi su base separata, come previsto dalle norme CySEC sui fondi dei clienti dei broker online.

Plus500 come funziona: guida al conto demo

L’apertura di Plus500 demo è molto semplice. Per iniziare, bisogna innanzitutto accedere alla home del sito. Il passo successivo consiste nel cliccare sul pulsante blu che riporta la scritta “Inizia a fare trading adesso”. Dopo questo step, ci si trova davanti a una pagina con due ulteriori pulsanti. Uno è dedicato all’apertura del conto reale. Il secondo, invece, è utile a quella del conto demo.  Nella parte sottostante, sono presenti le icone per il download dell’app per dispositivi Android e iOS.

Dopo aver cliccato sul pulsante dedicato all’apertura di Iq Option demo, bisogna inserire i dati. A questo punto, il conto è operativo ed è possibile accedere all’area WebTrader. L’ambiente di lavoro di Plus500 demo è caratterizzato da un ottimo livello di chiarezza. Nella parte centrale della pagina è possibile trovare le informazioni sulla situazione dei vari asset e i pulsanti per aprire le posizioni. A sinistra, invece, si trovano i pulsanti che permettono di accedere alle posizioni aperte, all’elenco di quelle chiuse e, soprattutto, al conto con denaro reale. Il suddetto, può essere aperto con un deposito minimo di 100 euro.

Le funzionalità del conto demo non finiscono certo qui! Grazie alla simulazione di trading su Plus500, è possibile anche impratichirsi con l’impostazione degli allarmi, segnali che avvisano il trader quando si verifica una certa condizione.
Sempre dal menu posto nella parte sinistra dell’area WebTrader, si può acccedere alla pagina dedicata all’istantanea del conto. Anche se si opera sempre in modalità Plus500 demo, è bene sottolineare che, grazie alla suddetta pagina, è possibile impratichirsi ed entrare in contatto con informazioni molto importanti.

Giusto per citarne qualcuna, ricordiamo il riassunto delle posizioni aperte, il saldo del conto e la situazione riguardante la leva. Cos’è di preciso? Un moltiplicatore che consente di esporsi sul mercato con una cifra più alta rispetto a quella del deposito. Quando si negozia con la leva, sia i profitti sia le perdite sono basati sul valore totale della posizione. Questo vuol dire, in poche parole, che è necessario avere molta confidenza con i meccanismi di stop loss per evitare delle perdite ingenti.

La leva, nel caso di Plus500 e non solo, è applicata ai CFD, strumenti fondamentali per fare trading in maniera davvero sicura al giorno d’oggi.

L’apertura di Plus500 demo è fondamentale per imparare a fare trading in maniera efficace

Clicca qui per iscriverti gratis su Plus500

Plus500 guida: i vantaggi del broker

Come è chiaro da queste poche righe, aprire Plus500 demo è molto vantaggioso. Il broker, famoso per la sua semplicità di utilizzo, consente, fin dal conto senza denaro reale, di “allenarsi” grazie a una piattaforma di ottima qualità.
Tra le sue peculiarità è possibile ricordare la possibilità di utilizzare i CFD. Cosa sono? Ricordiamo innanzitutto che l’acronimo si scioglie con Contracts for Difference. I CFD sono strumenti derivati diffusi da una ventina d’anni, ma esplosi solo in seguito al successo del trading online.
Permettono di operare replicando l’andamento dei vari asset, guadagnando anche quando perdono terreno. Questo è un aspetto basilare soprattutto se si ha intenzione di operare con le criptovalute, asset noti per la loro volatilità.

plus500 guida

Plus500 è uno dei maggiori fornitori di CFD al mondo

Conclusioni

L’apertura di Plus500 demo è un passo molto importante per chi vuole fare trading in maniera efficace. Il broker, anche nella versione demo, non tradisce le aspettative create dalle recensioni internazionali. Plus500, infatti, è un broker che da sempre è al centro di opinioni molto positive da parte dei trader di tutto il mondo.

Prima di utilizzzarlo, però, è il caso di formarsi adeguatamente. Ciò vuol dire, per esempio, usufruire dei sussidi gratuiti messi a disposizione da broker come Markets.com (nessuno vieta di aprire un conto demo su più portali).

Clicca qui per iscriverti gratis su Markets.com

Fondamentale è anche ribadire che, quando si fa trading online, il rischio è sempre in agguato e non può essere eliminato anche se ad operare è un trader bravissimo. Può essere però tenuto sotto controllo con strategie specifiche. Una di queste è il Money Management. In cosa consiste? Nella divisione del capitale in tante piccole parti. Ciascuna, deve essere destinata a un asset diverso. In questo modo, si minimizza il rischio di trovarsi, da un giorno all’altro, con il conto vuoto per via delle operazioni non andate a buon fine.