Dieci consigli per investire in Bitcoin

dieci consigli per investire in bitcoin
19 aprile 2018
|
0 Comments
|

Elencare dieci consigli per investire in Bitcoin è possibile? Certamente sì! Non solo è possibile ma è anche importante, dal momento che, questa criptovaluta, continua a essere al centro dell’interesse dei trader anche dopo il boom del 2017. Per quale motivo bisogna parlare in maniera approfondita di come operare con la criptovaluta più celebre del mondo? Perché, come vedremo tra poco, con i giusti strumenti è possibile guadagnare anche se l’asset perde quota.

Nella guida che abbiamo creato sul tema, parleremo ovviamente anche dei broker migliori su cui operare, ossia piattaforme come Plus500 (clicca qui per aprire il conto demo), sicure e ideali anche per chi è alle prime armi nel mondo del trading.

Come sempre, per agevolare la tua lettura abbiamo creato un indice. Se vuoi, potrai quindi scegliere le pillole di trading che più ti interessano e approfondirle.

Investire in Bitcoin senza comprarli: l’importanza di conoscere i CFD

Entriamo subito nel vivo dei dieci consigli per investire in Bitcoin parlando dei CFD. Acronimo per Contracts for Difference, questi strumenti derivati esistono da vent’anni. Se ne parla in maniera pressoché quotidiana da quando il trading online è a disposizione di tutti grazie ai broker e alle loro app.

Cosa sono di preciso? Strumenti che permettono di acquistare non l’asset in sé, ma appunto il suo derivato. In parole più semplici, consentono di replicare l’andamento dell’asset, in questo caso il Bitcoin, guadagnando dalle sue variazioni di valore. Ciò vuol dire, come già specificato, che è possibile trarre profitto anche quando la criptovaluta crolla.

Quello che conta, infatti, è aprire la posizione giusta tra long e short. Conoscere i CFD per investire in Bitcoin senza fare errori gravi significa andare oltre a questo aspetto. Vuol dire, infatti, parlare anche di leva finanziaria. Cos’è? Un moltiplicatore che permette un’esposizione sul mercato con una cifra più alta rispetto al deposito iniziale.
Il trader versa il deposito e il broker mette a disposizione quel che resta, ossia una cifra che varia proprio a seconda dell’entità della leva. L’intera posizione viene calcolata sulla cifra complessiva. Ciò vuol dire che vengono amplificati sia i guadagni, sia le perdite.

Come affrontare tutto questo? Imparando a gestire i meccanismi di stop loss, grazie ai quali è possibile arrestare le perdite una volta raggiunta una determinata cifra.

Investire in Bitcoin conviene soprattutto se si guardano i grafici

Il secondo dei dieci consigli per investire in Bitcoin riguarda l’importanza di tenere sotto controllo i grafici. Questi strumenti, fondamentali per fare trading anche su altri asset, si possono trovare sui principali broker. Grazie ad essi, si ha modo di visionare in tempo reale l’andamento del Bitcoin. Osservarli ci aiuta a capire che:

  1. Dopo le forti crescite, come per esempio quella del 2017, arrivano i ritracciamenti.
  2. I trend tendono a ripetersi nel corso del tempo.

Grazie a questi semplici punti, ci si rende conto che un altro aspetto essenziale per investire in Bitcoin è la razionalità. Quando si affrontano le operazioni su questo asset, bisogna capire il motivo dei crolli e rendersi conto che, nei casi in cui gli speculatori si gettano famelici su un asset, è naturale un picco del valore.
Operando con calma e razionalità, quindi, è possibile entrare sul mercato evitando di prendere i trend come il Vangelo e minimizzando il rischio di effettuare operazioni fallimentari.

Bitcoin cos’è: attenzione alla volatilità!

Eccoci al terzo consiglio dei dieci consigli per investire in Bitcoin. Fare attenzione alla volatilità di questo asset è fondamentale e si ricollega ai punti precedenti. Dato che il prezzo del Bitcoin è suscettibile di forti variazioni è bene, come già ricordato, concentrarsi sul trading con i CFD ed evitare l’acquisto tramite Exchange.

Questi siti, inoltre, applicano commissioni che, come vedremo non sono contemplate nei broker. Chiaro è che, oggi come oggi, per fare trading di Bitcoin con profitto l’unica strada possibile sono i broker che permettono di operare con i CFD.

Bitcoin Italia: opera solo su broker legali

Con questa pillola, sempre compresa tra i dieci consigli per investire in Bitcoin, parliamo di broker. Quelli da prendere in considerazione quando si investe in Bitcoin sono unicamente quelli legali. Ciò vuol dire che bisogna escludere tutte le piattaforme non autorizzate dalla Consob, l’organo di controllo che in Italia vigila sulla correttezza di chi opera nel mondo del trading, e prive di licenza CySEC/FCA.

Molto importante è anche la gratuità. Come già detto, le commissioni nel trading online sono da escludere. Se una piattaforma le applica, è bene girare al largo e concentrarsi appunto sui broker, che guadagnano unicamente dallo spread, ossia la differenza tra bid e ask.

Abbiamo già citato Plus500. Questo broker, seppur importante (è il maggior fornitore di CFD nel mondo ed è online da 10 anni), non è certo l’unico esistente. Bisogna, infatti, fare cenno anche eToro. La piattaforma in questione, online dal 2007 e autorizzata in Italia nel 2010, si basa sul social trading. Ciò vuol dire che ogni utente, tramite il profilo gratuito a disposizione di tutti gli iscritti, può condividere le strategie con la community. Ha ovviamente la possibilità di mettere in comune anche gli esiti delle operazioni effettuate nel corso del tempo, il profilo di rischio, i mercati presi in considerazione.

Se ottiene risultati soddisfacenti, può essere seguito da altri trader e vedere la propria strategia replicata automaticamente. I trader piùù seguiti sono noti come guru e possono essere selezionati tramite un’apposita funzione di ricerca.

Anche chi segue ottiene vantaggi importanti, in primis la possibilità di migliorare partendo da basi concrete. Su questa piattaforma si leggono molte recensioni negative. Esssenziale è guadarle con razionalità e un po’ di diffidenza. eToro, proprio per il fatto di essere un mix fra il trading automatico e l’intelligenza umana, ha attirato tantissimi trader alle prime armi, convinti di poter vivere di rendita replicando le strategie degli altri.
Questo, ovviamente, non è possibile. Bisogna avere delle basi e ricordare che, per esempio, se i risultat i di un trader non sono più soddisfacenti è possibile smettere di seguirlo. Chi non si è reso conto subito delle effettive peculiarità del broker, ha investito senza criterio, ha perso e, oggi come oggi, denigra la piattaforma in questione.

eToro, ovviamente, è un broker molto serio. Multilingua e dotato di app dedicata, consente di impratichirsi con un conto demo prima di operare con denaro reale. Se vuoi aprirlo, puoi iniziare da qui.

bitcoin italia

eToro è uno dei broker migliori per fare trading di Bitcoin

Attenzione! Il conto demo, la cui presenza è un requisito fondamentale in sede di scelta del broker, deve essere considerato un’opzione provvisoria. Una volta acquisita abilità, infatti, bisogna passare al conto con denaro reale, l’unica soluzione per scoprire la vera atmosfera del trading Bitcoin.

Investire in Bitcoin forum: vade retro!

Molto spesso, si consiglia a chi è alle prime armi nel trading Bitcoin di informarsi sui forum. Ecco, quando si leggono suggerimenti del genere, bisogna scappare a gambe levate. Su questi spazi, infatti, non scrivono trader abili, ma persone che si sono buttate a capofitto nel mondo del trading, hanno perso soldi e sfogano le proprie frustrazioni online, fornendo un quadro poco chiaro a chi ancora poco sa su questo ambito.

Per non parlare poi di chi denigra i broker seri per pubblicizzare sistemi truffaldini di cui parleremo tra poco. Molto meglio, per formarsi, sono i sussidi gratuiti di broker come Markets.com (clicca qui per aprire un conto demo), che permette di accedere ad e-book, video e webinar su diverse tematiche inerenti il trading online.

Bitcoin come funziona: conosci l’asset ed evita le truffe

Purtroppo, da quando il trading online è diventato appannaggio di quasi tutti, si sono moltiplicate le truffe o, per meglio dire, i sistemi truffaldini. Ecco perché, quando si investe in Bitcoin, è fondamentale conoscere bene l’asset girare al largo da promesse di guadagni immediati e consistenti, sulla scia di quelle fatte da siti come Bitcoin 4 Life, illegali e pericolosi per i risparmi degli utenti.

Fare trading di Bitcoin non significa lavorare qualche ora al giorno da una spiaggia tropicale, ma espr

Bitcoin cos’è: stai lontano dagli hard fork

Proseguendo con i dieci consigli per investire in Bitcoin tocchiamo la tematica degli hard fork. Quando si è alle prime armi nel mondo del trading è naturale essere incuriositi da valute digitali come Bitcoin Cash. Il nostro suggerimento, però, è di evitare. La capitalizzazione davvero non vale l’impegno e il rischio che caratterizzano il trading, soprattutto con asset volatili come le criptovalute.

Trading Bitcoin opinioni: attenzione al rischio

Quando ci si approccia al trading di Bitcoin, capita spesso di sentire persone dire che le operazioni con i CFD, delle quali abbiamo già parlato, sono meno rischiose rispetto all’acquisto con gli Exchange. Questo non è vero e ci teniamo a ribadirlo.

La leva finanziaria, infatti, può causare grosse perdite. Da non trascurare è anche l’imprevedibilità dei mercati. Ricordiamo infine che molto dipende dall’approccio psicologico. Se le condizioni sono favorevoli e il trader ha un atteggiamento troppo sbilanciato verso la paura di perdere, è difficile che le cose vadano bene. Il medesimo ragionamento può essere fatto parlando di chi, invece, si lascia trasportare dall’entusiasmo per una singola operazione andata a buon fine.

Il trading online, di asset volatili come i Bitcoin soprattutto, deve essere all’insegna della razionalità. Solo così, infatti, si possono gettare le basi per delle operazioni di successo.

Piattaforma trading Bitcoin: sfrutta le occasioni di deposito iniziale basso

Un consigli molto utile quando si inizia a fare trading Bitcoin consiste nello sfruttare le occasioni che i broker danno per quanto riguarda il deposito minimo. Cominciare a operare con una cifra conteuta, infatti, è senza dubbio utile.

Un riferimento fondamentale al proposito è Iq Option. Questo broker, dotato di regolare licenza CySEC, permette di iniziare con un deposito minimo di 10 euro. Si tratta di un caso unico nel mondo del trading online.

Ovviamente, prima di mettersi in gioco con il denaro reale si può aprire un conto di esercitazione (clicca qui per iniziare la procedura) e, nel frattempo, formarsi grazie all’apposita sezione video, che contiene contributi molto interessanti, grazie ai quali si può migliorare nella lettura dei grafici e nella gestione degli indicatori di analisi tecnica.

piattaforma trading bitcoin

Iq Option permette di iniziare a operare con 10 euro

Come fare trading con Bitcoin: l’importanza del Money Management

Eccoci arrivati all’ultimo dei dieci consigli per investire in Bitcoin. Come avrai capito, parleremo di Money Management. Questa strategia, tanto semplice quanto importante, permette di tutelarsi. In cosa consiste? Nella divisione del capitale in più parti. Ciascuna può essere destinata a un diverso asset o a una singola operazione.

In questo modo, si evita di trovarsi, da un giorno all’altro, con il conto prosciugato per via delle numerose operazioni non andate a buon fine.