Comprare azioni MPS oggi conviene? La guida definitiva

comprare-azioni-mps
31 Gennaio 2020
|
0 Comments
|

Comprare azioni MPS potrebbe essere uno degli investimenti profittevoli del 2020. Banca Monte dei Paschi di Siena, operante nel settore dei servizi finanziari con sede in Italia, negli ultimi mesi ha visto una discreta crescita del valore del suo titolo.

Tuttavia, conviene comprare azioni MPS oggi? È risaputo che la Banca italiana è stata soggetti a scandali e a salvataggi da parte del governo con i soldi dei contribuenti. Qual è la situazione attuale di Banca Monte dei Paschi di Siena? È ancora una realtà solida come lo era secoli fa? O ci sono ancora delle scorie dovuto al suo quasi fallimento?

A queste domande e ad altre troverai risposte all’interno del nostro articolo. Inoltre, qualora decidessi di investire in MPS dovrai effettuare una scelta sugli strumenti da adoperare per farlo. Certo, potresti recarti in banca e pagare commissioni altissime per le tue operazioni finanziarie. Oppure rivolgerti alle piattaforme di trading online che attualmente circolano sul web.

La tua ricerca non ti porterà molto lontano. Nella nostra guida su come comprare azioni MPS potrai conoscere i migliori broker che presentano i vantaggi più utili per i trader principianti ma anche per i professionisti. Stiamo parlando di eToro e Investous, due realtà molto famose nel settore del trading online. Sei curioso di scoprire quali benefici possono garantirti? 

Comprare azioni mps con eToro

Con oltre 6 milioni di utenti attivi, eToro è considerata una delle migliori piattaforme di trading online attualmente presenti sul mercato. eToro non è una truffa, anzi, è un broker regolamentato da alcune delle principali autorità di vigilanza finanziaria come CySEC.

Con eToro potrai fare trading con tantissimi asset. Tra questi troviamo: azioni, indici di Borsa, criptovalute, ETF, CFD e materie prime.

La piattaforma ha per prima introdotta una nuova modalità di fare trading online: il Social Trading. Quali sono i suoi vantaggi? Attraverso il Social Trading puoi vivere il mondo degli investimenti online come in un vero e proprio social network. Infatti, all’interno della piattaforma sarai in grado di interagire direttamente con i trader di successo per ottenere preziosi consigli e migliorare le tue performance di investimento.

Un altro vantaggio di eToro è il Copy Trading che garantisce l’opportunità a tutti gli utenti di replicare il portafoglio di investimenti dei trader di maggiore successo. Per poter individuare gli operatori con un profitto interessanti, naviga fino alla sezione “Investitori Popolari” e scegli tra decine di trader che hanno profitto anche al di sopra del 50%.

Prima di copiare un trader, però, ti consigliamo di effettuare una ricerca più approfondita. Non è raro, infatti, che un trader che presenta un profitto elevato in un anno possa aver subito delle perdite importanti l’anno precedente. Per questo motivo, visita sempre il profilo dei trader e analizza attentamente i loro grafici e il portafoglio investimenti di cui dispongono.

Registrati gratuitamente a eToro e inizia a fare trading di azioni MPS.

Investous e le azioni MPS 

Al contrario di eToro, Investous è una piattaforma relativamente nuova ma non per questo altrettanto affidabile, sicura ed efficace. Con Investous avrai a disposizione oltre 270 asset sui quali negoziare: azioni, indici di Borsa, materie prime, etc.

Investous non è una truffa in quanto è regolamentata dalla Commissione Internazionale per i Servizi Finanziari del Belize. Inoltre, Investous si attiene alla legge finanziaria antiterrorismo, garantendo che la piattaforma rimanga sicura per gli operatori in ogni momento.

Investous è tenuto a mostrare quotazioni di prezzo in tempo reale delle attività sulla propria piattaforma e a rispettare tutte le linee guida messe in atto dagli organismi di regolamentazione del Belize.

Investous offre agli operatori l’accesso all’account demo. L’account demo presenta tutti gli strumenti disponibili sulla piattaforma di trading reale. Consente ai trader di mettere in pratica le proprie strategie di trading prima di puntare denaro reale sulle proprie operazioni. L’account demo li aiuta ulteriormente a capire come funziona la piattaforma Investous, facilitando la navigazione quando iniziano a fare trading dal vivo.

Accedi gratuitamente al conto demo di Investous e fai trading di azioni MPS.

Conviene comprare azioni MPS oggi?

Se sei interessato a comprare azioni MPS, potresti prendere in considerazione il valore Beta che misura la volatilità del prezzo delle azioni. In questo modo, saresti in grado di comprendere come il titolo potrebbe influire sul tuo portafoglio di investimento.

La moderna teoria della finanza considera la volatilità come una misura del rischio e individua due tipologie di volatilità. La prima interessa in maniera specifica l’azienda, ovvero la variazione dei prezzi di un singolo titolo. L’altro tipo, invece, è la volatilità dell’intero mercato.

Analizzando gli ultimi 5 anni, MPS presenta una beta di 1,94. Questo valore, ben oltre l’1, indica che i movimenti di prezzo del titolo sono stati soggetti ad una volatilità generale del mercato. Se questo valore dovesse essere confermato in futuro, è probabile che il valore delle azioni di Banca Monte dei Paschi di Siena aumenterà quando il mercato è in rialzo e diminuirà quando il mercato sta scendendo.

Molti analisti sostengono che l’indicatore Beta sia molto utile, ma le metriche fondamentali riconducono l’analisi alle entrate e ai guadagni. Banca Monte dei Paschi di Siena è un titolo che ha una capitalizzazione di mercato di 1,3 miliardi di euro. La maggior parte dei titoli delle aziende di questa dimensione viene scambiato attivamente all’interno del mercato.

Analisi azioni MPS e previsioni 

Il titolo di Banca Monte dei Paschi di Siena sembra essere attualmente sopravvalutato. Lo stock ha attualmente un valore di 1,71 €. Se hai intenzione di comprare azioni mps potrebbe essere interessante continuare a seguire il suo andamento nel tempo.

Il valore del titolo di Banca Monte dei Paschi di Siena è piuttosto volatile e ciò potrebbe significare che il prezzo potrà diminuire in futuro, consentendo agli investitori come te di acquistare titoli MPS ad un prezzo più basso. Questa considerazione si basa sul fattore Beta, che abbiamo già analizzato all’interno dell’articolo e che è un buon indicatore della volatilità del valore delle azioni.

Se sei un investitore che vuole inserire all’interno del proprio portafoglio le azioni MPS, è necessario che tu debba considerare le sue prospettive. Infatti, acquistare i titoli di una grande azienda con una solida prospettiva e ad un prezzo economico, è sempre un buon investimento.

Banca Monte dei Paschi di Siena ha un profitto che nei prossimi due anni ha le capacità di raddoppiare. Inoltre, sembra che il flusso di cassa più elevato dovrebbe contribuire ad aumentare concretamente il valore delle azioni. 

Comprare azioni MPS oggi

Nel 2017, Banca Monte dei Paschi di Siena ha attraversato un periodo difficile e a causa delle enormi perdite e di scandali contabili, la banca necessitava di 5,4 miliardi di euro per evitare il fallimento. Pertanto, è stato concesso il terzo aiuto di Stato in meno di un decennio perché si temeva che il suo collasso potesse innescare una crisi più ampia all’interno del settore bancario italiano.

Vediamo qual è stato il percorso di Banca Monte dei Paschi di Siena fino ad oggi:

  • 2007: Monte Paschi accetta di acquistare Banca Antonveneta
  • 2008: Monte Paschi utilizza derivati per compensare la perdita derivanti dall’operazione Antonveneta e altre transazioni
  • 2009: Monte Paschi ottiene 1,9 miliardi di euro di aiuti pubblici per incrementare il capitale l’accumulo di crediti inesigibili
  • 2013: si scopre che Monte Paschi ha usato un derivato di Deutsche Bank per oscurarne le perdite. Nel febbraio dello stesso anno riceve un salvataggio da parte del governo di 4,1 miliardi di euro.
  • 2014: la Banca raccoglie 5 miliardi di euro dagli investitori ma nell’ottobre dello stesso anno non supera gli stress test europei.
  • 2015: Monte Paschi raccoglie 3 miliardi di euro dagli investitori
  • 2016: La BCE chiede a Monte Paschi di dar conto di crediti deteriorati per 14 miliardi di euro. A luglio, gli stress test dimostrano che il capitale della banca sarebbe stato spazzato via da una grande recessione economica. A dicembre, Monte Paschi non riesce a raccogliere fondi privati e cerca un salvataggio da parte dei contribuenti.
  • 2017: Gli ispettori della BCE completano il loro rapporto su Monte Paschi, dimostrando che il CET1 era pari a 0,58%, al di sotto del minimo regolamentare del 4,5%. Nel luglio 2017 la Commissione Europea approva la richiesta di aiuto di Stato per Monte Paschi.
  • 2018: la banca completa la vendita di prestiti per 24 miliardi di euro.

La proprietà statale che governava Monte Paschi aveva reso la banca vulnerabile alle interferenze politiche locali, prestando spesso denaro al potere giudiziario. In tal modo, veniva enormemente trascurato il rischio di credito.

Il principale passo falso della banca si è verificato nel novembre 2007, quando ha fatto un’offerta di 9 miliardi di euro per la rivale Banca Antonveneta SpA, esaurendo le sue riserve di cassa proprio mentre i mercati stavano raggiungendo il picco. L’accordo, che avrebbe dovuto allarmare i regolatori, è stato approvato dalla Banca d’Italia, supervisionata all’epoca da Draghi.

Le onde d’urto finanziarie scatenate dal crollo di Lehman Brothers Holdings Inc. nel settembre 2008 hanno messo sotto pressione il Monte Paschi. La banca ha iniziato a mascherare le sue crescenti perdite con una serie di complesse operazioni in derivati. Tali transazioni sono state nascoste alla vista del pubblico e una volta che furono divulgate, Monte Paschi dovette riformulare i suoi conti per ben due volte.

In risposta, i pubblici ministeri italiani hanno presentato accuse penali contro la banca, sostenendo reati come la manipolazione del mercato e l’ostruzione normativa. Mentre l’economia italiana esplodeva durante la crisi del debito sovrano europeo, Monte Paschi ha visto accumulare prestiti non solvibili ed è stata costretta a sfruttare i fondi statali nel 2009 e di nuovo nel 2013.

Nel 2014 e 2015, gli azionisti hanno iniettato 8 miliardi di euro per aiutare a reintegrare le riserve di capitale e a rimborsare i contribuenti per i salvataggi precedenti. Questo finanziamento si rivelò presto insufficiente.

La BCE, che aveva sostituito la Banca d’Italia come principale regolatore di Monte Paschi alla fine del 2014, si è impegnata molto all’inizio del 2016 per convincere le banche italiane a ripulire i loro bilanci e sottoporli a un controllo approfondito.

Storia Monte dei Paschi di Siena

Lo sapevi che Monte dei Paschi di Siena è la banca più antica? Le sue origini risalgono al 1472 e nasce a Siena, la città toscana che le fornisce anche il nome. All’epoca Siena era una repubblica e la Banca fu creata per offrire prestiti a persone povere e bisognose.

Nei successivi 544 anni, le prospettive della banca e della città di Siena si intrecciarono. Nel 1624, una decisione del Granduca Mediceo di garantire i conti detenuti presso MPS gettò le basi dei sistemi di protezione dei depositi che ora vengono utilizzati per fornire fiducia ai risparmiatori nel sistema bancario mondiale. Il Granduca utilizzò i proventi del pascolo che deteneva in Maremma, nella Toscana sud-occidentale, per fornire le garanzie.

Per secoli, la banca ha avuto la reputazione di essere gestita in modo prudente, seppure generosa per l’economia locale. La banca ha finanziato aziende, enti di beneficenza e sostenuto la famosa corsa di cavalli del Palio di Siena. Fino a poco tempo fa si diceva che la popolazione di Siena o avesse già lavorato per la banca, aspirasse a farlo o ne stesse già ricavando le pensioni.

Ma i suoi problemi sono aumentati dalla crisi bancaria del 2008, quando ha pagato € 9 miliardi per Banca Antonveneta. L’accordo raddoppiò le sue dimensioni e lo trasformò nella terza più grande banca italiana dietro UniCredit e Intesa Sanpaolo.

Conclusioni

Dal momento della crisi che ha colpito Monte Paschi, le azioni della Banca sono calate di oltre l’80% e attualmente sono quotate a 1,71€. Tuttavia, Monte Paschi è tornato a essere redditizio. Ma il 17% dei suoi prestiti è ancora classificato come in sofferenza, una cifra che è quasi il doppio della media delle prime nove banche italiane, secondo i dati di Bloomberg.

La società è in trattativa finale per vendere un pacchetto di sofferenze con un valore nominale di circa 1,1 miliardi di euro a Cerberus Capital Management e Bank of America Corp.

Sei convinto di comprare azioni Monte Paschi? Per farlo, avrai a disposizione due alternative: eToro e Investous. Entrambe le opzioni garantiscono la presenza del conto demo, pertanto potresti simulare il trading e vedere qual è l’andamento delle azioni MPS in futuro.

Fai trading di azioni MPS con eToro.

Clicca qui e accedi gratuitamente a Investous.