Comprare azioni Intesa San paolo: guida completa

Comprare azioni Intesa San Paolo
1 Marzo 2019
|
0 Comments
|

Nella guida che stai per leggere, parleremo di come comprare azioni Intesa San Paolo. Di domande sui titoli di questo gruppo bancario ce ne arrivano davvero tante ogni giorno. Essendo il nostro sito online da diversi anni e ormai punto di riferimento per chi si interessa al trading online, ogni giorno riceviamo richieste di informazioni da persone che vogliono comprare azioni Intesa San Paolo.

Per chiarire le idee a chi ci chiede informazioni in merito, abbiamo preparato la guida che puoi trovare nelle prossime righe. Leggendola, troverai una spiegazione semplice e chiara delle strategie per comprare azioni Intesa San Paolo. Troverai anche informazioni sul gruppo e consigli su broker come 24Option ed eToro, punti di riferimento per chi vuole investire in maniera sicura, tutelandosi da truffe e furti di dati.

Comprare azioni Intesa San Paolo: La storia.

Intesa Sanpaolo S.p.A. è un gruppo bancario italiano nato dalla fusione di Banca Intesa e Sanpaolo IMI con sede a Torre Intesa Sanpaolo, Torino. Nel 2014 è stato il più grande gruppo bancario in Italia per capitalizzazione di mercato, e secondo per totale attivo. La banca ha inoltre registrato una crescita nel mercato internazionale, concentrata in Europa centro-orientale, Medio Oriente e Nord Africa. Quando è stato costituito nel 2007 ha superato Unicredit Group come la più grande banca in Italia, annoverando ben 13 milioni di clienti e con 690 miliardi di dollari in attività negli Stati Uniti.

Entro il 2010 le sue attività sono cresciute fino a 877,66 miliardi di dollari, classificandosi al 26 ° posto in Forbes Global 2000. La società è una componente dell’indice del mercato azionario Euro Stoxx 50.

Dalle origini fino ai tempi odierni.

La parte più antica del gruppo bancario è Cariplo Sp.A. che affonda le sue radici nella Cassa di Risparmio delle Provincie Lombarde, che è stata fondata nel 1823 a Milano. La cassa di risparmio è stata avviata da un gruppo filantropico italiano, il Comitato Centrale della Carità. Una risposta del governo ai duri tempi economici del 19 ° secolo. All’inizio del XX secolo la banca aiutò le compagnie italiane del Nord a ottenere capitale durante e dopo la prima e seconda guerra mondiale, principalmente sotto la guida di Giordano Dell’Amore.

Le riforme bancarie avviate nel 1990 da Giuliano Amato  (Legge Amato) hanno portato alla ristrutturazione e riorganizzazione delle banche costringendo il governo a rinunciare al controllo di esse. Da questa riforma si è arrivati alla nascita di Sanpaolo IMI, stata costituita nel 1998 quando l’Istituto Bancario San Paolo di Torino e l’Istituto Mobiliare Italiano (IMI) si sono fusi, in un accordo da 37,8 miliardi di dollari.

Degna di nota è anche la presenza di Intesa San Paolo all’estero, dove opera come commercial banking. Il gruppo è presente in questa veste in 12 Paesi tra Europa, Asia, Nord Africa. Con servizi dedicati a clienti sia corporate, sia business, il gruppo Intesa San Paolo si impegna molto anche per supportare gli investimenti delle aziende italiane nel mondo.

Comprare azioni Intesa San Paolo: Concorrenti.

Conoscere la storia del gruppo Intesa San Paolo prima di iniziare a operare con le sue azioni è importante, ma non basta. Essenziale è anche approfondire il capitolo della concorrenza. Vediamo quindi quali sono i cinque più grandi gruppi bancari in Italia:

  • Unicredit Group: il cui gruppo dopo aver preso il controllo di HypoVereinsbank e Capitalia è il divenuto leader del settore in Italia ed oggi è il 4° gruppo bancario in Europa.
  • Intesa Sanpaolo invece è al secondo posto all’interno di questa classifica.
  • Monte dei Paschi di Siena si colloca invece al gradino più basso del podio.
  • BNL, la cui banca è stata acquisita recentemente da BNP Paribas, si posiziona invece in quarta posizione.
  • UBI Banca è quinta.

Comprare azioni Intesa San Paolo: Partners.

Abbiamo visto chi sono i concorrenti di Intesa Sanpaolo. A questo punto, occorre analizzare anche i principali partner del gruppo. Nel 2009 Bnp Paribas e Intesa Sanpaolo hanno concluso l’accordo su Findomestic, ovvero il secondo colosso in Italia del credito al consumo. Nel 2011 Western Union, azienda specialista dei trasferimenti di denaro, ha firmato un accordo con Banca Intesa Sanpaolo al fine di rendere disponibili i servizi di pagamento Western Union a partire dagli sportelli bancari del gruppo italiano.

Infine nel 2017, il gruppo di banca e assicurazioni italiano Intesa Sanpaolo ha confermato anche di voler trattare con Assicurazioni Generali, ovvero il primo assicuratore italiano, all’interno di un contesto di partenariato a lungo termine.

Comprare azioni Intesa San Paolo: Le previsioni degli analisti.

L’andamento del titolo in questo inizio 2019 è stato abbastanza erratico. Dopo un ottimo avvio di anno, con le quotazioni che hanno guadagnato oltre il 5% tra il 2 e il 7 gennaio, da quel punto in poi tutto si è fermato. Andando a guardare la variazione dalla chiusura del 7 gennaio a quella del 22 febbraio, infatti, c’è stato un incremento delle quotazioni inferiore allo 0,5%. Questo andamento, però, nasconde, le fortissime escursioni dei prezzi che nel giro di qualche giorno hanno segnato variazioni anche del 7%.

In questi casi, quindi, è molto difficile definire con precisione sia la tendenza in corso che i possibili obiettivi. Tuttavia, possiamo dire che la tendenza in corso è rialzista con I° obiettivo di prezzo in area 2,079 già raggiunto. Alla rottura in chiusura di giornata di questo livello, poi, le quotazioni si dirigerebbero verso il II° obiettivo di prezzo in area 2,2294.

Andando, però, a guardare un po’ più da lontano il grafico, si nota come le quotazioni si stiano muovendo all’interno di un ampio range laterale definito dai livelli 1,98554 e 2,079. Qualora dovesse essere rotto al ribasso in chiusura di giornata il supporto in area 1,9855€, allora avremmo un’inversione ribassista con obiettivo i nuovi minimi annuali.

Rimarchiamo anche che Intesa Sanpaolo va preferita in quanto fra le azioni ad alto dividendo.

Comprare azioni Intesa San Paolo: Gli strumenti migliori.

Quali sono i trucchi migliori per comprare azioni Intesa San Paolo? Il principale è il ricorso ai Cfd (Contracts for Difference). Questi strumenti derivati, diffusi da una ventina d’anni, permettono di ovviare al rischio della volatilità che contraddistingue l’asset azionario. Permettono infatti di replicare l’andamento delle azioni senza bisogno di acquistarle.

Tutto questo si traduce a livello concreto con la possibilità di trarre profitto anche nei casi in cui le azioni perdono quota. La principale cosa da fare è azzeccare il loro andamento scegliendo tra:

  • Apertura di una posizione long (acquisto) in caso di previsione di aumento;
  • Apertura di una posizione short (vendita) nell’eventualità contraria.

 

La gestione dei Cfd è semplicissima. Gli utenti che vogliono utilizzarli per comprare azioni Intesa San Paolo, o anche altri Assett, possono usufruire anche del vantaggio della gratuità. I Cfd, infatti, non prevedono l’applicazione di commissioni. Tutto questo ha però un rovescio della medaglia, ossia il rischio legato alla leva finanziaria. Questo moltiplicatore, che permette di esporsi sul mercato con una somma più alta rispetto al deposito iniziale, amplifica sia i guadagni sia le perdite.

Quando si fa trading, non si può prescindere da questo rischio. Quello che si può fare è affrontarlo con buonsenso. Prima di tutto, è opportuno evitare di puntare più di quanto si possa perdere. Molto utile ai fini della diversificazione del rischio è la strategia del Money Management, che prevede la divisione del capitale in più parti. Ciascuna di esse, va destinata a un’operazione specifica o a un singolo asset. In linea di massima, bisognerebbe evitare di puntare più del 5% del capitale ogni volta. Un altro trucco utile consiste nel familiarizzare con lo Stop Loss, un segnale che indica ai broker il momento esatto per arrestare le operazioni in perdita, tutelando così il capitale dei singoli utenti.

Comprare azioni Intesa San Paolo: I migliori broker.

Noi della redazione di Osservatoriofinanza abbiamo selezionato accuratamente due tra i migliore broker certificati e regolamentati, al fine di permettere ai nostri lettori di poter operare sui mercati finanziari in totale sicurezza. Analizziamoli nel dettaglio.

24option

24option è una piattaforma di investimenti finanziari estremamente seria e professionale e permette di comprare azioni Intesa San Paolo proprio attraverso i Cfd. Spesso viene menzionata dagli addetti ai lavori fra le più affidabili all’interno del panorama dei broker di settore. Nel corso degli anni, hanno dimostrato sul campo di combinare un’eccellente offerta finanziaria ad una grande trasparenza in termini di rispetto delle normative in vigore e dei suoi clienti.

Il deposito minimo per aprire un conto live con 24option è di 100 euro. Per finanziare il proprio account si possono scegliere molti modi tra cui carta di credito o di debito, bonifico bancario, portafoglio virtuale.

24option è un ente regolamentato dal Cysec. E’ quindi un broker in linea con la Direttiva Mifid. Tali enti disciplinano in maniera ferrea l’erogazione di servizi finanziari e di investimento e le cui licenze ad essi collegate garantiscono, in maniera certa, l’alto profilo di una società autorizzata.

L’offerta formativa.

Uno dei punti di forza della proposta di questo broker è sicuramente quello relativo l’offerta formativa. Oltre ai seminari live, sono infatti disponibili gratuitamente una serie di guide estremamente approfondite, sia online che attraverso il download di dettagliati ebook. Queste guide introducono e definiscono in modo chiaro tutti i passaggi necessari all’investimento finanziario, andando anche a toccare elementi finanziari particolarmente tecnici. Per scaricare gratuitamente il materiale didattico offerto da 24option clicca qui.

I segnali di trading.

Tra le caratteristiche più apprezzate offerte dal broker 24option annoveriamo la possibilità di ricevere gratuitamente eccellenti segnali di trading. Clicca qui per iniziare a riceverli. In pratica si tratta di indicazioni precise su condizioni di mercato particolarmente interessanti. Questi segnali hanno un livello di affidabilità veramente elevato, servizi con previsioni così accurate hanno di solito un costo di abbonamento mensile superiore ai 1.000 euro. Al contrario, questo broker dà modo di usufruire gratuitamente dei segnali di trading. Questo è un grandissimo vantaggio per chi vuole comprare azioni Intesa San paolo ed operare sui titoli di una società che opera in un settore complesso.

Registrati qui ed inizia a fare trading con 24option.

eToro

Il Broker eToro è molto più di una piattaforma per fare trading online in maniera sicura, affidabile e gratuita. eToro è infatti la prima piattaforma di social trading al mondo, un vero e proprio social network dove è possibile entrare in contatto con gli altri traders.

Con eToro si può scoprire chi sono gli investitori più bravi (quelli che hanno guadagnato di più in passato) e si può imparare da loro. Ancora più importante, è possibile copiare in maniera automatica e senza costi tutto quello che fanno i trader più bravi! In pratica con il social trading della piattaforma eToro è possibile guadagnare da subito come un guru del trading, anche se si parte veramente da zero.

Il social trading con eToro.

Come funziona il social trading? Puoi cercare facilmente chi ha guadagnato di più negli ultimi mesi con un form di ricerca facile ed intuitivo. Una volta individuati i trader dai guadagni più alti, puoi iniziare a copiarli con un semplice click. Una volta che hai selezionato il trader da copiare, tutte le operazioni che vengono eseguite da lui vengono copiate automaticamente anche nel tuo account. Insomma, è possibile guadagnare con il trading online in modo automatico.

Ovviamente anche il più bravo trader del mondo può commettere degli errori: per questo motivo è sempre opportuno non limitarsi a copiare un singolo trader ma puntare alla diversificazione. I copiatori più furbi di solito copiano 6 o 7 trader esperti, in modo che se uno sbaglia, i profitti degli altri compensano le perdite e generano comunque un profitto complessivo.

Inizia a fare trading con eToro cliccando qui.

Comprare azioni Intesa San Paolo: Conclusioni.

Come hai appena avuto modo di vedere, comprare azioni Intesa San Paolo è questione di pochi minuti. La semplicità, però, è associata a dei forti rischi, motivo per cui quando si fa trading è fondamentale sviluppare un atteggiamento adeguato e trovare una quadra tra paura di perdere e bramosia di guadagnare. Ovviamente, una volta compresi i meccanismi, si potrà operare con successo anche su altri Assett come Fca oppure Enel, già presenti nella nostre guide.

I risultati si ottengono con il tempo, ma è bene ricordare che partendo dall’utilizzo di un broker come 24Option o eToro si comincia già con strumenti di ottima qualità.

Inizia a fare trading con 24option.

 

Registrati adesso su eToro.

 

Ora che sei arrivato alla fine della guida, ti facciamo una piccola richiesta. Se l’hai trovata utile, condividila con i tuoi contatti Facebook e con quelli di altri social, così da permettere ad altri utenti interessati agli investimenti online di scoprire come comprare azioni Intesa San Paolo.