Lezione 14 - Supporto e Resistenza nell'Analisi Forex

Corso cfd
29 luglio 2015
|
0 Comments
|

Questo corso utilizza la piattaforma gratuita Markets Il modo migliore per imparare il trading è fare pratica, ti consigliamo di cliccare qui per iscriverti in modalità demo gratuita (tempo richiesto 1 minuto)

Il supporto e la resistenza fanno parte dei princìpi cardine dell’analisi tecnica, ovvero dello studio dei prezzi basato sull’interpretazione dei grafici e dei dati. Con questa lezione iniziamo ad approfondire il Forex da un punto di vista più professionale e per certi versi più appassionante, poiché sebbene negoziare valute in base agli eventi e dati macro sia appagante, l’interpretazione dei grafici completa di sicuro la nostra preparazione.  Oltre ai concetti importantissimi di supporto e resistenza, che ritroverete sempre e in ogni articolo di finanza che vada a leggere quanto accaduto in una determinata giornata di scambi, scopriremo anche le  dinamiche  ad essi legate, ovvero la penetrazione e la rottura. Ancora, vedremo cosa si intende per break out e i pull back.

Supporti e Resistenze nell’analisi Forex

Per “supporto” generalmente si intende qualcosa che serve a reggere il peso di un oggetto: nell’analisi tecnica infatti il supporto è un livello di prezzo in cui è previsto un arresto del ribasso di un determinato prezzo. Ad esempio, se l’euro dollaro con quotazione 1,1060 scende a 1,1050 ma abbiamo come riferimento un supporto a 1,1030 daremo per probabile che il prezzo non possa scendere oltre questo livello.

La resistenza è l’esatto opposto del supporto, ovvero un livello in cui stimiamo che il rialzo debba arrestarsi.

Cosa crea il supporto e la resistenza?

Bene, abbiamo visto cosa significano “supporto” e “resistenza”. Ora vediamo invece quali sono i fattori che creano questi livelli, poiché non sono fissi ma cambiano in base alle dinamiche di mercato.

Il supporto, ovvero il punto in cui prevederemo il limite al ribasso dei prezzi, si crea in base alla concentrazione degli acquisti nel momento in cui il prezzo si avvicina a questo livello. In pratica, se il supporto è di 1,1010 si prevede una concentrazione di acquisti nel momento in cui il prezzo inizia ad avvicinarsi a tale quota, per esempio quando saremo a 1,1020 o a ancora più vicini 1,1015. In tal caso, il supporto potrebbe indicarci una previsione di inversione al rialzo.

La resistenza, ovvero il punto in cui prevederemo il limite al rialzo dei prezzi, si crea in base alla concentrazione delle vendite nel momento in cui il prezzo si avvicina a questo livello. In pratica, se il supporto è di 1,1080 si prevede una concentrazione di vendite nel momento in cui il prezzo inizia ad avvicinarsi a tale quota, per esempio quando saremo a 1,1070 o a ancora più vicini 1,1075. In tal caso, la resistenza potrebbe indicarci una previsione di inversione al ribasso.

Occhio, sono sempre previsioni

E’ bene sapere, evidenziare e ricordare che i supporti e le resistenze sono delle previsioni, ovvero dei livelli di prezzo CALCOLATI, PREVISTI, in base ai dati e ai grafici. Non si tratta di dati certi, in cui le inversioni si verificheranno di sicuro. E’ una puntualizzazione quasi banale, ma necessaria, poiché chi è alle prime armi non deve incappare in fraintendimenti. Quindi, nel caso sentiate parlare di “supporto” o “resistenza” sicuri, sappiate che si tratta di illazioni. Si può avere un grado di certezza, ma non certo sicurezza. Migliore è l’analisi, migliori sono gli analisti, più validi saranno supporti e resistenze calcolati.

Oltre ai dati calcolati vi sono quelli storici, ovvero quelli già verificatisi in passato. Un esempio di supporto ad esempio può essere il minimo storico, ovvero un livello sotto il quale il prezzo non mai andato in un determinato periodo.

Penetrazione e Rottura

Nel gergo del Forex e dell’analisi tecnica, per “penetrazione” o “rottura” si intende lo sfondamento di un determinato livello da parte del prezzo. Perciò, se il prezzo va al di sotto di un livello di supporto si parla di rottura del supporto, se il prezzo va sopra il livello di resistenza si parla di rottura della resistenza.

Breakout e Pull Back

Vediamo ora due altri termini molto utilizzati: breakout e pull back.

Per “breakout” si intende la rottura, sia che si parli del supporto, sia che si parli della resistenza. Un breakout quindi evidenzia che in un determinato momento vi è una concentrazione di più vendite (nel caso di breakout della supporto) o una concentrazione di più acquisti (nel caso di breakout della resistenza).

Per “pull back” si intende invece un nuovo livello di supporto o resistenza, calcolato in base alle nuove condizioni dettate dal mercato. Quindi, è una sorta di aggiornamento dei livelli di supporto e di resistenza.

Occhio: nel pull back il vecchio livello di supporto diventa il nuovo livello di resistenza. In questo modo, i trader possono ricordarsi quali sono i vecchi valori.

Supporti Dinamici, Resistenze Dinamiche

I supporti e le resistenze si dicono “dinamici” quando si muovo su una direzione obliqua al rialzo o al ribasso. Se non vi mostrassimo i grafici sarebbe davvero impossibile da capire perciò ve lo spiegheremo fornendovi i grafici del livello orizzontale (fig.1) e di livelli proporzionati (fig1.) ovvero proporzionati ai trend in corso.  In questo caso potremo visualizzare supporti e resistenze dinamiche.

grafico orizzontale con supporti e resistenze

Fig.1

grafico obliquo per supporti e resistenze dinamiche

Fig.2

Passa subito all'azione: clicca per aprire subito un conto gratuito su Markets e inizia a sperimentare il trading di CFD (tempo richiesto 1 minuto)

Miglior broker per CFD

Broker Vantaggi Deposito Min. Apertura Conto
Plus500
  • Serietà del brand
  • Piattaforma potente e flessibile
100€ Inizia
Markets
  • Conto demo gratuito
  • Quotato London Stock Exchange
100€ Inizia