Lezione 12 - Dati Relativi, Assoluti e Consensus

Corso cfd
15 settembre 2015
|
0 Comments
|

Questo corso utilizza la piattaforma gratuita Markets Il modo migliore per imparare il trading è fare pratica, ti consigliamo di cliccare qui per iscriverti in modalità demo gratuita (tempo richiesto 1 minuto)

Nelle scorse lezioni abbiamo visto quanto siano importanti gli indicatori economici e come offrano spunti per agire nel trading online, sia al rialzo, sia al ribasso. Ciò che va evidenziato e ribadito è che gli indicatori economici utili per il Forex siano reperibili tramite normali fonti d’informazione, come le risorse online. Abbiamo menzionato tutti gli indicatori di un certo peso, ma ce ne sono anche di altri, che pur se meno importanti influiscono su una coppia valutaria come sui pianeti possono farlo tanti piccoli satelliti.
In particolare, indicatori economici “secondari” possono essere pubblicati da enti economici di svariato genere, oltre che da governi, agenzie di rating e banche d’investimento, da non sottovalutare. Gli indicatori, anche se secondari, sono importanti poiché offrono una panoramica sullo stato di salute di una determinata economia di cui si prende in considerazione una valuta. Ovviamente, come abbiamo specificato in precedenza, quando si parla di “salute economica” interpretando le valute occorre sempre distinguere i paesi singoli dalle comunità di paesi. Se l’euro è debole, ad esempio, non è detto che la Germania sia debole. Se il franco svizzero è forte, vuol dire che l’economia della Svizzera gode di buona salute.

Dati Assoluti e Dati Relativi

Ora che il concetto di indicatori economici vi è chiaro, vediamo come vengono usualmente categorizzati: in dati assoluti e dati relativi.
Quando si parla di un determinato periodo e soltanto di quello, si parla di dati assoluti. Ad esempio, se analizziamo i dati di agosto della coppia valutaria EUR/USD, si tratterebbe di dati assoluti.
Al contrario, se volessimo comparare due periodi diversi, ad esempio i dati di agosto 2015 con quelli di agosto 2014, avremmo dei dati relativi. Nel Forex così come nella finanza è consuetudine mettere a confronto dati con quelli dei precedenti trimestri, semestri, anni.

Consensus

Il consensus, nonostante sia un termine poco conosciuto e per alcuni versi anche poco utilizzato, è in realta parte del pane quotidiano del Forex. Infatti, con questo termine si intende l’insieme dei dati attesi dagli analisti. A volerlo tradurre, potremmo parlare di “valore atteso” o di “previsioni degli analisti”.
Tuttavia, il consensus non è semplicemente un pronostico. E’ importante poiché i consensus degli analisti influenzano anche il mercato e spesso in modo decisivo. Per fare un esempio, supponiamo che il consensus sul PIL degli USA veda un forte ribasso. Il mercato giocherà di conseguenza al ribasso su dollari e mercato azionario, scatenando così reazioni a catena su tutti i mercati del mondo. Ricordiamoci però che il consensus è una previsione, non il dato effettivo.

Dove reperire i dati consensus?

Internet è una fonte per tutto, anche per le previsioni. Vi sono consensus provenienti da agenzie di rating importanti e banche d’investimento. Per avere un’idea più chiara dell’insieme, vi consigliamo di reperire dei calendari economici e di farvi ritorno quotidianamente. Nei calendari economici, infatti, sono elencati tutti gli eventi in programma, giorno per giorno, ora per ora, con il dato consensus pubblicato in anticipo.

Passa subito all'azione: clicca per aprire subito un conto gratuito su Markets e inizia a sperimentare il trading di CFD (tempo richiesto 1 minuto)

Miglior broker per CFD

Broker Vantaggi Deposito Min. Apertura Conto
Plus500
  • Spread bassi
  • Conto demo gratis
100€ Inizia
Markets
  • Conto demo gratuito
  • Quotato London Stock Exchange
100€ Inizia