Mercati azionari impazziti, il punto

Mercati azionari

Questo corso utilizza la piattaforma gratuita Il modo migliore per imparare il trading è fare pratica, ti consigliamo di (tempo richiesto 1 minuto)

Vediamo insieme una nuova settimana difficile sui mercati azionari. Cerchiamo di capire che cosa è successo e cosa ci possiamo attendere per domani.

La situazione sui mercati ora si fa molo delicata, con indici tutti negativi. La cosa grave, che nonostante qualche piccolo tentativo di rimbalzo, Venerdì la cui chiusura è sempre significativa hanno spinto gli indici sui minimi e hanno chiuso su quei livelli. La chiusa del Venerdì è importante per la candela weekly, che ovunque è stata pesante, ma soprattutto in caso d’inversioni non chiude mai coi schiacciata sui minimi e in maniera generalizzata.

Quindi ora, la prima cosa che dobbiamo fare è un discernimento metodologico, ossia dobbiamo dar più attenzione all’analisi tecnica oppure al sentiment? Direi il secondo caso. Al momento l’atteggiamento del mercato è volto al nero pesto, ogni occasione è oggetto di vendite anche se non si riescono a identificare delle ragioni chiare di tutto questo pessimismo, stante i dati che vediamo e le singole situazioni, ma certamente un operatività short in questi casi e da prediligere. Ora cerchiamo di analizzare i singoli indici più importanti per capire un po meglio come ci si può muovere:

-Sp500, a 1810 ha fatto un minimo di ripartenza ciclica ed è andato sino a 1940, sembrava che fosse solo l’inizio del movimento, avendo l’indice molto spazio di salita, ma invece è subentrato un sentimen negativo che ha rovinato questo scenario e sembra possa far partire uno scenario assai negativo.

-Nikkei, al momento scende con meno forza rispetto all’indice americano, ma l’impostazione è certamente negativa. Se a questo ci aggiungiamo che da poco sono state varate misure distensive da parte del primo ministro Kuroda, notiamo come in Giappone la situazione sia ancora più grave.

-Ftse Mib, qui la situazione rasenta il drammatico, infatti l’indice italiano che sin dall’inizio è stato il più debole, ha continuato in questa strada di ribasso e ora sta accelerando.Qui abbiamo come elemento pesante della situazione il settore bancario che fa delle oscillazioni giornaliere che variano anche del 13% in un giorno passando senza problemi dal +5 al -3%.

Quindi a tutti massima allerta, l’operatività da prediligere in questo momento è certamente quella short perché da i maggiori risultati, se vedete delle figura di analisi tecnica long fate attenzione, perché si delineano, ma poi manca la forza relativa.

Passa subito all'azione: e inizia a sperimentare il trading di CFD (tempo richiesto 1 minuto)

Miglior broker per CFD

Broker Vantaggi Deposito Min. Apertura Conto
Plus500
  • Serietà del brand
  • Piattaforma potente e flessibile
100€ Inizia
Markets
  • Conto demo gratuito
  • Quotato London Stock Exchange
100€ Inizia