Banco Popolare, la fusione ci sarà?

Questo corso utilizza la piattaforma gratuita Il modo migliore per imparare il trading è fare pratica, ti consigliamo di (tempo richiesto 1 minuto)

Uno dei temi caldi a Piazza Affari è certamente legato all’andamento delle fusioni tra popolari e i titoli sono belli carichi.

Il governo italiano sta agendo in maniera forte è decisa, per spingere alla fusione tra Bpm e Banco Popolare, quello che stupisce e che il governo in questo caso non è neanche socio in nessuno dei due istituti. Piercarlo Padoan e Matteo Renzi hanno di fatto nuovamente rimesso in gioco le nozze, dopo le stringenti misure da parte della Bce che sembravano aver fatto saltare le nozze. Nella riunione del 22-23 Marzo si discuterà delle norme volute dalla Bce e in generale di come rafforzare la situazione patrimoniale dei due istituti. Sul piatto della discussione ci sono vari punti, dalla gestione delle sofferenze che sono molto elevate e cui bisogna trovare una collocazione, alla vendita delle partecipazioni considerate strategiche in Anima, Gestielle e Agos Ducato. Inoltre, altro punto delicato relativo alla governance che la Bce ha richiesto che sia centralizzata senza doppi organi direttivi.

Ora vediamo il titolo Banco popolare dal punto di vista dell’analisi tecnica perché possiamo notare una configurazione grafica davvero molto interessante:

-I prezzi dopo una fortissima discesa dei prezzi, ora stanno cercando di disegnare un doppio minimo al livello di 6.2. Ora dobbiamo vedere che per validare il segnale i prezzi fuoriescono dal livello di 8.2 allora verrebbe confermata la forza e verrebbe validato il livello di 6.2 come doppio minimo. In caso di forza la situazione sarebbe davvero moto interessante perché i prezzi sono scesi davvero in maniera verticale, quindi le possibilità di rivalutazioni sono davvero molto elevate. Dal punto di vista del trading abbiamo la possibilità di avere un impostazione long con uno stop poco oneroso sotto i recenti mini e potenzialità di salita davvero molto elevate, che possono arrivare sino a 12-13 euro quindi stiamo parlando a fronte di uno stop minimo di potenzialità di miglioramento anche del 50%. Attenzione ha inserire stop molto rigidi perché il titolo e molto legato alle news che arrivano della politica quindi è possibile che arrivino news non positive dalla politica e in poco tempo il titolo rompa al ribasso o viceversa voli al rialzo.Per questa ragione è interessante entrare nel titolo, ma con la massima gestione del rischio.

Passa subito all'azione: e inizia a sperimentare il trading di CFD (tempo richiesto 1 minuto)

Miglior broker per CFD

Broker Vantaggi Deposito Min. Apertura Conto
Plus500
  • Serietà del brand
  • Piattaforma potente e flessibile
100€ Inizia
Markets
  • Conto demo gratuito
  • Quotato London Stock Exchange
100€ Inizia